pancake

Colazione da me, solo per me, tutta per me.

Io mangio pancakes. Problemi?

E me le mangio da sola, con coltello e forchetta ben saldi, affogandole implacabile con marmellata di ciliegia.

Si, sono di quelle perfette, delizia del risveglio a casa e dolce tortura della preparazione mattiniera. Sono le mie,  personalissime, fatte su misura. Non bulimicamente grandi, ma neanche miseramente piccole, le giuste.

Giusto livello di dolcezza, giusto grado di cottura, giusta consistenza.

La colazione dei giusti.

Devo aggiungere altro??

Tutto è cominciato in terra straniera, colpita da una strana attrazione mista a desiderio verso il misterioso mondo della gioia colante di marmellata e miele. Prima si finge indifferenza davanti al tripudio di glucosio, ma… Una volta provati, non si torna più indietro.

pancake03

Pancakes

  • farina 150g
  • zucchero 3 cucchiai
  • lievito 1 bustina
  • uova 2
  • latte 150g
  • burro 50g
  • sale 1 pizzico
  • vanillina o cannella (de gustibus)

Montare uova e zucchero, aggiungere continuando a girare, girare, girare…. farina setacciata, cannella (o vanillina), sale, lievito e latte. Nel frattempo, sciogliere il burro in un pentolino. Incorporare al composto anche il burro fuso. Appena sarà tutto fluido ed omogeneo, senza grumi, ungere e scaldare una padella con pochissimo burro. Due cucchiai di impasto fanno una frittella. Basta un minuto e poi vanno girate dall’altro lato. La certezza della cottura perfetta? Le tipiche bollicine in superficie che rendono spugnosa la frittellona.

Cospargere con sciroppo d’acero, miele o marmellata prediletta.

pancake01

Questa è la volta della marmellata di ciliegia. Ringrazio chi mi ha fatto diligentemente rinvenire un barattolo di marmellata nella mia valigia.

Era quella giusta e perfetta per l’occasione.