pizza-ratatouille

Salutando il forno che come ogni anno, in questo periodo va in letargo…

Altro che primavera: l’estate mi prende a schiaffi col sole e il vento. Ci addentriamo nella stagione del bollore. Mentre decido di fare il cambio del frigo come si fa il cambio stagionale dell’ armadio, faccio largo a frullatori e centrifughe. Saranno mesi di crudité, insalate e smoothies.
Dico addio all’inverno e al forno con quest’ultima lussuriosa alleanza di ciò che più amo: pane e verdure.

Si, proprio loro. Le ennesime vittime.

Precisamente stiamo parlando della felice sintesi tra la pizza vegetariana e la ratatoille: la praticità e lo spirito della pizza, mischiato al carattere ed eleganza della verdura al forno. A parer mio un’efficientissima collaborazione, al di sopra delle aspettative.

Nata dalla continua frustrazione di quando in preda ai morsi della fame, ordinando la famosa pizza vegetariana, ti vedi consegnare una scarna creatura, povera di verdura, mal cotta e mal condita. Quanta delusione nell’avventarsi sull’ambita e tanto desiterata verduranza, per poi scoprire l’amara verità. Solo chi lo ha provato sulla propria pelle sa di cosa parlo: gomito sul tavolo, la mano regge il mento e gli angoli della bocca si imbronciano.

Per ovviare a questo dramma interiore che mi stava consumando, è stata brutalmente rivisitata la Ratatouille, mettendola al servizio delle mie necessità e miei personalissimi gusti.

verdure

Ricetta per impasto pane

  • farina 00 500g
  • zucchero 1 zolletta
  • sale 1 cucchiaino
  • lievito di birra 1 panetto
  • olio extra vergine 2 cucchiai
  • acqua 1 bicchiere

Sciogliere il lievito con un bicchiere di acqua tiepida, aiutandosi con una forchetta. Aggiungere zucchero e sale avendo cura di mescolare bene, sciogliendo il tutto. Disporre la farina a fontana, nel centro un cucchiaio d’olio e il composto di lievito acqua sale e zucchero. Impastare energicamente per 15-20 minuti, fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico. Coprire con un canovaccio e lasciare riposare in un luogo buio per due ore.

Passate le due ore, stendere l’impasto a mano con un po di farina sul piano di lavoro, spalmare con un cucchiao d’olio. Prima di mettere le verdure e infornare, lasciare riposare per una mezz’ora.

verdure

Per la ratatouille, la questione si fa un po’ più complessa. Sinuosa e delicata,  caratteristica principale di questo piatto e la perfetta cottura delle diverse verdure, né troppo crude ma neanche spappolate. Il giusto equilibrio tra vellutato e grezzo di verdure tagliate grossolanamete.

Il truccho principale è cuocere separatamente le verdure o almeno in tempi diversi. Sembra facile, ma ci sono volute sere e sere di improperi e ingiurie per ottenere i giusti tempi senza impazzire. In questo caso, visto che vanno in forno con la pizza, alcune verdure vengono scottate più delle altre, per arrivare ad avere lo stesso tempo di cottura in forno.

Ratatouille rivisitata

  • melanzane 1 media
  • zucchine 2 medie
  • peperone 1 media
  • patate 1 media
  • carote 2 medie
  • piselli 50g
  • cipolla 1 bianca
  • pomodori 4 medi
  • olio 4 cucchiai
  • rosmarino qb
  • origano qb
  • basilico qb
  • sale qb
  • pepe qb

Mondare tutte le verdure. Tagliare a fettine e striscioline peperoni, carote e melanzane, più o meno grossolane ed irregolari, eliminando i semi dei peperoni. Zucchine, patata e cipolla a cubettini, pomodori a spicchi. In una padella con 2 cucchiai d’olio e un cucchiao d’acqua, saltare i peperoni, cipolla, piselli e patate per 5 minuti. Aggiungere carote e melanzane con un altro cucchiaio d’acqua, dopo altri 5 minuti aggiungere anche le zucchine. Altri 3 minuti e asciugare. Far riposare un attimo, aggiungere rosmarino, un pizzico di sale, origano e i pomodori. Porre  il tutto sulla pasta per il pane precedentemente stesa. Un  cucchiaio d’olio e infornare a forno ben ventilato, preriscaldato a 180°C per 15 minuti. Un cucchiaio d’olio a crudo e una spolverata di pepe e prezzemolo prima di servire.

verdure close-up

Ed anche questa ricetta va a partecipare al concorso Inventa la ricetta nella categoria Verdure Golose.