corsica-atto-secondo

Il titolo più adatto di questa avventura potrebbe essere Di Corsa su una Corsa. Così tante cose da vedere e così poco tempo, mancano ancora tante cose da mangiare!

Chi si ferma è perduto. Arrivati a sud, siamo solo a metà del giro. I sensi sono già appagati, ma il richiamo verso nuovi sapori e profumi è forte!
Non rimane altro che continuare il giro ed andare a nord.

Cucina Corsa :Tutto quello che abbiamo continuato a mangiare

Charcuterie

L’Assiette de Charcuterie è il tipico antipasto dei Menù Corse: prissuttu, lozu, salsiccia, coppa, figatellu… Tutti salumi di maiali cresciuti a castagne. L’aroma del maquis chiaramente trasuda anche in queste prelibatezze.
Il mio cuore è rimasto in un ristorantino a Corte, servivano un figatellu da lucciconi. Questa meraviglia altro non è che una sottile salsiccia di fegato, tipica della cucina corsa.
In una parola: incantevole.
Salami, salamini, prosciutti, lardo, coppa… lo sforzo di trattenersi è vano, meglio abbandonarsi agli istinti carnivori.

Pesce

La Corsica in quanto isola è fatta chiaramente anche di tanto pesce. Quello fresco del mediterraneo, dei villaggi di pescatori, da mangiare nei ristorantini accanto ai porticcioli. Cozze, gamberi, orata, spigola, calamari... si può rinunciare alle aragoste di scoglio dei paesini di Cap Corse?
Ma anche zuppe di pesce, trote ripiene e le immancabili sardine farcite di…. brocciu !

Birra birra birra

Sono quattro quelle catalogate dalle mie papille gustative:
Pietra: ambrata alla castagna
Serena; chiara e leggera
Colomba: chiara e aromatizzata al mirto
Torra: aromatizzata al Maquis

Vince su tutte la Pietra. Ogni scusa è buona per berne una, sicuramente la mia preferita ed anche la più facile da trovare.

Continuando a girare la Corsica in
Senso Orario

COSTA OCCIDENTALE

Una toccata e fuga. Troppo turismo di massa, troppo traffico, troppa folla. Sono troppo snob per fermarmi in un posto dove sicuramente ci sono passati tutti. Quale rifugio migliore se non l’interno con i villaggi montani? Tra le tortuose curve, piccole trattorie servono limonata e omelette sui tavoli di plastica e tovagliette di carta.
Paesaggi lunari verso il SENTIER DU COER. Alla faccia dei prodigi di photoshop e delle cartoline trash, alla fine di questo breve sentiero troneggia una roccia sulla quale si è formato un buco a forma di cuore.
C’è ammmore !!

Da mangiare: cannelloni al brocciu, cinghiale, vitello con le olive, miele, zuppe coi funghi e fichi.

NORD OVEST

E finalmente rivediamo il mare. Argentella di notte è magica, le nubi corrono veloci dalle montagne al mare.
La plage de l’Ostriconi sembra un plastico di un posto inventato: un perfetto morphing tra montagna e spiaggia, una sottile striscia di sabbia bianca divide un mare turchese caraibico da un fiumiciattolo tortuoso, circondato dal fitto verde e classiche mucche corse, che presenziano in ogni dove, come i gatti a Roma.

Da non perdere: Ile Rousse e la strada verso Ile de la Pietra, con la torre genovese e il faro. La cartolina perfetta che imbarazza perfino fotografarla da quanto è bella. Dopo tre ore sotto il sole e circa trecento foto, una sana OMELETTE jambon et fromage con birra Pietra d’ordinanza è l’ideale.

IL NORD

The last but not the least. Finalmente il Nord. St Florent e Plage de la Roya sono l’ultimo centro turistico prima del selvaggio Cap Corse: il dito che punta il continente, l’isola nell’isola. Strade strettissime e tortuose, dopo ogni curva panorami da mozzare il fiato per le vertigini. Si passa da villaggi di pescatori a paesini arroccati sui monti. A mollo nella plage di BARCAGGIO, terre di marinai e pescatori, dominate dal vento e dal sale.

Qui ho eletto la Tarte Tatin il mio nuovo dolce preferito, ho preso il sole con le mucche che rubavano le baguette, ho assaggiato le cozze più buone mai provate, ho fatto il bagno nella plage che pensavo esistesse solo nei miei sogni, ho sentito i Pink Floyd all’improvviso nella torre di Nonza, ed ho sorseggiato la mia ultima limonata Corsa.

La sublime conclusione di una splendida avventura, ricca di sapori, profumi e colori, degna di una incantevole Corsica.